Site Search


Do you have a good time

Benvenuti nel mio sito.

Si accetteranno critiche, consigli e suggerimenti affinchè questo sito possa migliorare sempre di più.
Siamo in rete dal 1998 e www.tommyg.it viene aggiornato in modo saltuario, quindi, non può essere considerato una testata giornalistica o un periodico o comunque un prodotto "editoriale".
- Sito no-profit -

Qualora non siano graditi i link si provvederà prontamente ad eliminarli su segnalazione.

Grazie tommyg

Bere consapevolmente

Come si fa a bere consapevolmente?
Domanda: Come si fa durante il pranzo o la cena a non bere un litro di vino e un superalcolico di fine pasto? Come si fa ad uscire con gli amici e non bere durante la cena, non bere nel dopocena, non bere in discoteca? Che serata sarebbe senza bere? Come si fa ad andare ad un matrimonio e non bere stando seduti a mangiare per circa sei ore?
Sono troppe le situazioni in cui è impossibile non bere per chi non è astemio.
E tutto poi, perché è vietato guidare in stato di ebbrezza alcoolica.

Risposta: E’ un fatto di cultura. E’ sempre stato così........................................

 

.........Domanda: Come si fa a cambiare cultura?

Risposta: Non si cambia. Infatti ogni giorno si legge che nei servizi notturni mirati ai controlli su chi  guida in stato di ebbrezza vengono ritirate almeno 10 patenti e considerando il numero dei conducenti sfuggiti al controllo, si presuppone un numero ben più alto di guidatori in stato di ebbrezza.

La verità è che prima di introdurre il divieto di porsi alla guida in stato di ebbrezza bisognava trasformare gli usi e costumi di questa società di bevitori, cambiare le abitudini consolidate e non mandarci tutti in ferie al mare e poi dirci che non si può nuotare.

 
Guida in stato di ebbrezza

La guida in stato di ebbrezza è stata considerata una delle maggiori cause di incidente stradale e per questo le sanzioni previste dall'art. 186 del codice della strada sono state inasprite.

Per ultimo in caso di ritiro della patente, il Prefetto dispone la sospensione cautelare della patente di guida contestualmente ad una revisione psico-fisica da eseguirsi presso la Commissione Medica Locale a ciò preposta...     read more

Furti in abitazione
Prevenire è meglio che....

Il cittadino che subisce un furto in abitazione subisce una violenza psicologica inaudita. La sua abitazione è stata violata. Le sue cose, i suoi oggetti affettivi (collanine dei bimbi, braccialetti dei battesimi, regali delle comunioni o cresime, regali di anniversari) sono stati asportati. L’amarezza non è tanto per il valore reale quanto per quello affettivo. Questo è quello che accade nelle case degli italiani ma ai malviventi importa di trarre qualunque profitto anche il più misero.
Proprio per questo, dobbiamo essere diffidenti e mettere in atto ogni misura per evitare di essere depredati.

Seguiamo quindi i consigli delle Forze dell’Ordine:

Polizia di Stato: Furti in abitazione: come difendersi dai ladri

Carabinieri: Protezione della casa

Truffe agli anziani

Non esistono funzionari INPS, ENEL, INPDAP, etc., che vanno porta a porta.

Uomini ben vestiti, si presentano alla porta di persone anziane con la scusa di dover controllare la posizione pensionistica o contributiva oppure per controllare il contatore della luce o del gas; in realtà è un trucco per raggirare le persone facendosi consegnare del denaro o per sottrarre beni ed oggetti di valore.

In questi casi è opportuno telefonare all’ente interessato per avere informazioni.

  • center

    About me

    Sono nato a Enna il 22/04/1961.

    Il 15 ottobre 1979 entro a far parte del Corpo delle Guardie di P.S. poi diventato Polizia di Stato.
    Terminato il corso di addestramento della durata di nove mesi nella fredda Trieste, vengo trasferito a Torino nell’allora V° Reparto Celere; lì acquisisco le mie prime esperienze di ordine pubblico oltre ad aggregazioni alle Volanti, Squadra Mobile e Polizia Stradale.

    Nel 1983 vengo trasferito a Roma ove frequento un corso di Polizia Stradale e qui incomincia la mia passione per il codice della strada e tutte le sue regole.

    Presto servizio a Roma presso il Battaglione Motociclisti della Polizia Stradale di Settebagni effettuando servizi di vigilanza stradale sul Grande Raccordo Anulare e scorte a personalità di ogni tipo. Nel 1987 vengo trasferito alla Sezione Polizia Stradale di Ravenna, nel 1989 ritorno a Roma per un breve periodo all’Ispettorato Vaticano ove effettuo servizi di scorta personale al Pontefice Giovanni Paolo II°, successivamente ritorno a Ravenna e nel 1995 mi trasferisco a Civitanova Marche in servizio al locale distaccamento di Polizia Stradale.
    Nel 2005, ottengo il trasferimento al Commissariato di P.S. di Civitanova Marche ove presto servizio nella Sezione “Volanti”, nella Segreteria dell’Ufficio Controllo del Territorio e per ultimo nella Sezione Investigativa dell’Ufficio Anticrimine. Dal primo agosto 2015, sono in pensione.

    Oggi, oltre alle occupazioni familiari,  in qualità di Presidente mi dedico alle associazioni:
    A.N.P.S. (Associazione Nazionale della Polizia di Stato) Sezione di Civitanova Marche
    I.P.A. (International Police Association) Esecutivo Locale Macerata-Fermo.

    La mia passione principale resta in ogni caso il mondo della comunicazione, navigare nell'oceano del www, social, app e quant'altro occupano molto spazio della mia giornata sin dal lontano 1995.
    Nel 1998 ho sviluppato la mia prima pagina web sul codice della strada e nel giugno 1998 la rivista professionale "Chip" nella voce "Internet - Novità in Rete" ha recensito la mia pagina quale "un modo simpatico di affrontare un tema serio come il Codice della Strada...".

  • center

    A.N.P.S.

     L'Associazione Nazionale della Polizia di Stato (ANPS), nata come Associazione del Corpo delle Guardie di PS, è stata eretta come Ente Morale nel 1970 (DPR n. 820). Ne fanno parte Poliziotti in quiescenza, Poliziotti in servizio, Soci simpatizzanti, onorari, benemeriti e sostenitori. Tra i Soci onorari vengono compresi gli ex Capi della Polizia, i Vice Capi della Polizia, i Prefetti e i Questori in sede, le Medaglie d'Oro, e Grandi Invalidi di guerra e per servizio, appartenenti all'Amministrazione della P. di S.
    L’Associazione Nazionale della Polizia di Stato è strutturata in 170 Sezioni distribuite su tutto il territorio nazionale, alle quali si aggiungono le sedi estere di New York-New Jersey negli Stati Uniti e Toronto in Canada, e raggruppa più di 32.000 Soci, tutti orgogliosi di appartenere a questa grande Famiglia. Ogni Sezione svolge una serie di iniziative a favore dei propri iscritti e della cittadinanza, dall'organizzazione di eventi ricreativi alla vigilanza davanti alla Scuole; dall'assistenza pensionistica per i poliziotti in quiescenza alle lezioni tecnico-pratiche agli studenti dell'ultimo anno delle scuole medie sulle norme della circolazione stradale, d’intesa con le Autorità Locali di Polizia, in particolare con la Polizia Stradale, e con le autorità scolastiche. A queste si aggiungono le iniziative a sostegno dell'ambiente e per la tutela del patrimonio artistico; l’assistenza agli anziani; l’organizzazione di eventi benefici; la collaborazione con altre Associazioni ed Enti. E poi, ancora, la partecipazione a ricorrenze, eventi istituzionali e commemorazioni ufficiali; l’organizzazione di convegni su tematiche di grande attualità, in collaborazione con il mondo dell’associazionismo e della ricerca. Fanno parte dell’ANPS anche alcuni nuclei di Protezione civile, regolarmente iscritti nei registri del Volontariato e di Protezione civile regionali. Il Capo della Polizia in carica è il Presidente Onorario del Sodalizio. Uno degli obbiettivi principali della nostra Associazione è quello di custodire il patrimonio storico-culturale creato dai Soci "anziani" e trasmetterlo alle nuove generazioni, così da poter conservare intatte le tradizioni ed i valori della Polizia di Stato e mantenere sempre vivo il legame di reciproca solidarietà. L'ANPS è custode del Medagliere, che rappresenta e rinnova il ricordo, insieme con la Bandiera, di quanti hanno donato la propria esistenza alla Patria in pace e in guerra, al servizio delle Istituzioni e per la salvaguardia della sicurezza e delle libertà dei cittadini. L’ANPS è l’unica Associazione riconosciuta, vigilata e tutelata dal Ministro dell’Interno.La nostra Associazione comunica con gli Associati, e tutti gli interessati, attraverso questo portale ed il periodico d’informazione ufficiale "Fiamme d’Oro", dove sono trattati argomenti di attualità, storia, arte, cultura, diritto, nonché notizie sulla vita delle Sezioni.
    Io sono il presidente della Sezione ANPS di Civitanova Marche e chi desidera contattarmi lo può fare all'indirizzo mail:
    anps@tommyg.it
    Grazie e visita i nostri siti A.N.P.S
    www.assopolizia.it
    www.ipa-macerata.it/anps-civitanova.htm


  • I.P.A.

    L'I.P.A. (International Police Association), nel contesto internazionale, è un Organismo apolitico, presente in ben 61 Stati. Conta nel mondo, oltre 375.000 aderenti, di cui circa 15.000 solo in Italia. Ne fanno parte gli appartenenti alle Forze di Polizia ed in Italia è l'unica associazione che annovera tra i suoi soci appartenenti alla Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Locale e Polizia Provinciale, Corpo Forestale dello Stato, Polizia Penitenziaria, Capitaneria di Porto o Guardia Costiera, Vigili del Fuoco. Nell'ambito di convegni culturali, locali o nazionali, è affascinante notare la presenza di tutte le Forze dell'Ordine Italiane, unite per confrontarsi su temi professionali condivisi per poi rilassarsi tutt'insieme intorno ad un tavolo per la cena. E' inimmaginabile lo scambio di informazioni che ne consegue. Io sono il presidente dell'esecutivo locale Macerata-Fermo e chi desidera contattarmi lo può fare all'indirizzo mail: ipa@tommyg.it
    Visita i nostri siti web:
    I.P.A. MACERATA-FERMO
    I.P.A. ITALIA